Accesso ai Contenuti Riservati


Pur di vedere il cielo

Cosa lega la cupola del Pantheon, quella di Santa Sofia, quella di San Vitale e quella del Reichstag di Berlino? Il rapporto col cielo. Ci avevate mai pensato? A Roma […]

Scritto da Federica Ciribì

Sono Architetto e Dottore di ricerca in Recupero Edilizio ed Ambientale. Sono abilitata all’insegnamento di “Arte e Immagine” e di “Disegno e Storia dell’Arte” presso l’Accademia di Belle Arti di Brera e all’insegnamento di “Costruzioni, tecnologia delle costruzioni e disegno tecnico” presso l’Università degli Studi di Pisa.

Pubblicato il 25 Ottobre 2022

Cosa lega la cupola del Pantheon, quella di Santa Sofia, quella di San Vitale e quella del Reichstag di Berlino?

Il rapporto col cielo.

Ci avevate mai pensato?

A Roma posso vedere il cielo attraverso l’oculo: la luce filtra e ho l’impressione di essere a teatro. In uno spazio immobile e senza tempo. Magico. Adriano volle questo tempio per tutti (pan) gli dei (theos) e la cupola non poteva che essere simbolicamente, perfettamente, emisferica.

A Istanbul il cielo entra nella Chiesa: la luce si apre un varco attraverso le numerose finestre nella cupola e si riflette sui mosaici dorati, dilatando lo spazio e creando un’atmosfera sospesa.

A Ravenna il cielo è quello di Dio, dei santi, dei risorti che ascendono al paradiso e ci regalano l’immagine di un mondo ultraterreno: la cupola fu dipinta nel XVIII secolo con un affresco che supera la materia della semisfera per mostrarci le nuvole del cielo e i santi.

E a Berlino, grazie a Norman Foster, tutta la storia delle cupole, dei cieli, degli uomini e di Dio diventano una cosa sola. A Berlino la cupola del Reichstag, sede del Parlamento, è trasparente, e le persone la percorrono facendosi spazio nel cielo. Nello stesso tempo però, i deputati dalla sottostante aula possono vedere il popolo camminare sopra le loro teste e sono costantemente invitati a ricordare che la sovranità è del popolo, e che loro sono lì per questi pellegrini silenziosi che non ambiscono alla giustizia di Dio ma a quella degli uomini.

A Berlino i cittadini sono al posto dei santi di San Vitale, e la volta celeste è al suo posto come a Istanbul e a Roma, perché ognuno di noi possa affidare le proprie speranze al cielo in cui crede.

Parole chiave

esseremondoRomastoria

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Diario Visivo® 2024© Vietata la copia

Pin It on Pinterest

Shares
Condividi This