Accesso ai Contenuti Riservati


Esplorare la nostalgia

Attraverso le parole e l’arte di Elena Francesca Vezzù vi presento cosa intendo per Arte, Immagine e Diario Visivo.Esplorare la “nostalgia” è un po’ come perdersi nei souk di Marrakech: […]

Scritto da Federica Ciribì

Sono Architetto e Dottore di ricerca in Recupero Edilizio ed Ambientale. Sono abilitata all’insegnamento di “Arte e Immagine” e di “Disegno e Storia dell’Arte” presso l’Accademia di Belle Arti di Brera e all’insegnamento di “Costruzioni, tecnologia delle costruzioni e disegno tecnico” presso l’Università degli Studi di Pisa.

Pubblicato il 13 Aprile 2021

Attraverso le parole e l’arte di Elena Francesca Vezzù vi presento cosa intendo per Arte, Immagine e Diario Visivo.
Esplorare la “nostalgia” è un po’ come perdersi nei souk di Marrakech: sai solo qual è l’inizio.

L’inizio è negli occhi di Jeanne, moglie di Modigliani ( l’unica alla quale lui dipinse gli occhi ndr) e nella sua intensa storia scoperta grazie a Federica Ciribì. Sono occhi che avrebbero voluto un “porto sicuro”… quello che per me significa casa.

Ma non devi lasciare che il porto sicuro diventi una “comfort zone” perché non è detto che un qualcosa che è andato bene ieri, vada bene anche oggi o domani. La casa giusta per me è uno spazio che mi porto dentro, dove posso difendere il mio spirito nella sua accezione di soffio, respiro, forza vitale, ovunque mi trovi… anche se questo chiama in causa la nostalgia per quel porto sicuro.


Ed è proprio di casa che ha nostalgia Ulisse, di fronte al mare in un’isola che non è la sua…ma solo viaggiando altrove ha potuto scoprire e riscoprirsi : al suo rientro in patria, non è più lo stessa persona che è partita.

Ed è per la nostalgia della patria e dei propri monti che si ammalarono i soldati svizzeri in servizio presso l’esercito francese all’epoca di Luigi XIV, fino a morirne tanto che un medico alsaziano, Johannes Hofer, studiò questo strano e doloroso fenomeno coniandone per primo il termine nel suo scritto “Dissertazione medica sulla nostalgia”. In tedesco si dice «Heimweh» (letteralmente dolore per la casa).

La nostalgia dunque si nutre della lontananza, anche di persone e di istanti che non possono tornare… del nostro “Yesterday” cantavano i Beatles.

Ci sono luoghi, ci sono persone, ci sono parole evocative… ma anche rimedi… da usare con parsimonia però.

La nostalgia non è un sentimento che bisogna cercare di soffocare perché riscoprendo e abitando pezzi e frammenti del nostro passato, possiamo guardare al futuro con più serenità.

E’ una risalita da fare a piccoli passi .

Parole chiave

0 commenti

Articoli correlati

Laboratorio Favole al Castello

Laboratorio Favole al Castello

Si sono svolti ieri i Laboratori Favole al Castello di Diario Visivo a Forte san Giovanni a Finalborgo! Ci siamo...

Il minuto vagabondo di Natale

Il minuto vagabondo di Natale

Tanti tanti anni fa accadde un fatto strano."Era la sera di Natale e tutti aspettavano con ansia la mezzanotte. I...

L’Arte cura il dolore

L’Arte cura il dolore

Il Diario Visivo nei laboratori di arteterapia L'arte ha una funzione riparatrice dal dolore, ci aiuta a dare forma a...

Diario Visivo® 2023© Vietata la copia