Accesso ai Contenuti Riservati


Cuore e Ragione per rinnovare la didattica

Io credo che il segreto per rinnovare la didattica dell’arte sia partire dal cuore. E dalla ragione. Ma non da quelli degli insegnanti, giacché loro dovrebbero metterci sempre cuore e […]
Cuore e ragione

Scritto da Federica Ciribì

Sono Architetto e Dottore di ricerca in Recupero Edilizio ed Ambientale. Sono abilitata all’insegnamento di “Arte e Immagine” e di “Disegno e Storia dell’Arte” presso l’Accademia di Belle Arti di Brera e all’insegnamento di “Costruzioni, tecnologia delle costruzioni e disegno tecnico” presso l’Università degli Studi di Pisa.

Pubblicato il 24 Marzo 2021

Cuore e ragione

Io credo che il segreto per rinnovare la didattica dell’arte sia partire dal cuore. E dalla ragione. Ma non da quelli degli insegnanti, giacché loro dovrebbero metterci sempre cuore e ragione. Da quelli dei ragazzi. L’educazione all’immagine è una cosa troppo delicata nel XXI secolo per permettersi di non arrivare a ognuno di loro. E lo si può fare solo attraverso la storia. Perché è già tutto lì. Ma non si può raccontargliela come la raccontavano a noi. No. Bisogna renderli protagonisti del processo di apprendimento. Non semplicemente coinvolgerli. Renderli protagonisti. Da questo concetto nasce il progetto di Diario Visivo, che coniuga in una prospettiva nuova, la tradizione del disegno con la pratica della scrittura, la storia dell’arte con la letteratura e le immagini. Ecco. Le immagini. Per capire cosa avrebbe dovuto diventare la mia disciplina (Arte e Immagine), sarebbe stato sufficiente leggere cosa scrisse Wunenburger della parola “immagine”: “una rappresentazione concreta, sensibile (a titolo di riproduzione o copia) di un oggetto (modello referente) materiale (una sedia) o concettuale (un numero astratto), presente o assente dal punto di vista percettivo, e che intrattiene un tale legame col suo referente da poterlo rappresentare a tutti gli effetti e consentirne così il riconoscimento e l’identificazione attraverso il pensiero.”
Io credo che sia tutto qui. In queste ultime parole. La nostra storia da raccontare, quella dei nostri allievi, sono tutte lì, celate nelle immagini che scegliamo per il nostro diario, sepolte nel rapporto da svelare tra referente e pensiero, tra oggetto e scrittura, tra arte e vissuto. L’importante è incominciare.
Buonanotte sognatori.

Parole chiave

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Laboratorio Favole al Castello

Laboratorio Favole al Castello

Si sono svolti ieri i Laboratori Favole al Castello di Diario Visivo a Forte san Giovanni a Finalborgo! Ci siamo...

Il minuto vagabondo di Natale

Il minuto vagabondo di Natale

Tanti tanti anni fa accadde un fatto strano."Era la sera di Natale e tutti aspettavano con ansia la mezzanotte. I...

L’Arte cura il dolore

L’Arte cura il dolore

Il Diario Visivo nei laboratori di arteterapia L'arte ha una funzione riparatrice dal dolore, ci aiuta a dare forma a...

Diario Visivo® 2023© Vietata la copia