Accesso ai Contenuti Riservati


Io, gli altri e il Diario Visivo

Da quando ho iniziato a coinvolgere altre persone nella mia idea di arte, ho capito quanto potente sia il metodo del Diario Visivo. In gergo tecnico si direbbe che ho […]
Io gli altri e il Diario Visivo

Scritto da Federica Ciribì

Sono Architetto e Dottore di ricerca in Recupero Edilizio ed Ambientale. Sono abilitata all’insegnamento di “Arte e Immagine” e di “Disegno e Storia dell’Arte” presso l’Accademia di Belle Arti di Brera e all’insegnamento di “Costruzioni, tecnologia delle costruzioni e disegno tecnico” presso l’Università degli Studi di Pisa.

Pubblicato il 16 Marzo 2019

Da quando ho iniziato a coinvolgere altre persone nella mia idea di arte, ho capito quanto potente sia il metodo del Diario Visivo. In gergo tecnico si direbbe che ho fatto metacognizione. Per un’insegnante e un’artigiana dell’arte come me, è naturale utilizzare il disegno come strumento di espressione per eccellenza e considerarlo di supporto al pensiero, alla creatività e all’immaginazione (e viceversa ovviamente). Non avevo mai valutato però, quanto importante fosse “lasciare una traccia” per gli “altri”, non avevo immaginato che “altri” avessero necessità di ritrovare la via del disegno e quindi non potevo supporre quanto il Diario Visivo sarebbe stato stato in grado aiutarli nella loro crescita personale, accompagnarli nel cambiamento.

Le persone con cui condivido l’esperienza del Diario Visivo mi hanno fatto capire con il loro entusiasmo, con la loro necessità di mostrarmi le pagine che hanno fatto, coi risultati raggiunti, che il piacere trovato nel potersi esprimere liberamente in uno spazio privato, è grande.

Atelier Diario Visivo

Il Diario Visivo è un viaggio, non importa il risultato ma il processo, non è necessario saper disegnare ma volersi mettere alla prova, sperimentare, provare: il disegno è un bisogno umano, antico, ancestrale. Alessandro Bonaccorsi ci ricorda che “disegnare è un atto necessario per l’uomo, che non ha niente a che vedere con il risultato ultimo: disegnare ha un senso molto profondo, perché sapere di potere lasciare una traccia è un antidoto alla coscienza della nostra impermanenza” (cfr. La via del disegno brutto, Terre di Mezzo 2019).

Diario Visivo

Impariamo a lasciare una traccia sul nostro Diario Visivo e partiamo con l’anamnesi artistica del sé.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Il minuto vagabondo di Natale

Il minuto vagabondo di Natale

Tanti tanti anni fa accadde un fatto strano."Era la sera di Natale e tutti aspettavano con ansia la mezzanotte. I...

L’Arte cura il dolore

L’Arte cura il dolore

Il Diario Visivo nei laboratori di arteterapia L'arte ha una funzione riparatrice dal dolore, ci aiuta a dare forma a...

Diario Visivo® 2024© Vietata la copia

Pin It on Pinterest

Shares
Condividi This